31° CORSO 

Operatore Tecnico Subacqueo 180 ore

(crediti formativi)

(Autorizzato dalla Regione Lazio)

(iscrizioni aperte)

Inizio corso: 16 Settembre 2024

Fine corso: 11 Ottobre 2024

La procedura di richiesta dei crediti formativi è rivolta a tutti coloro che sono in possesso  di esperienza subacquea,comunque maturata. 

La messa in trasparenza e la valutazione per il riconoscimento dei crediti formativi si concluderanno il 31 Luglio 2024

REQUISITI PER LA RICHIESTA DEI CREDITI FORMATIVI

NOTA: la richiesta non è condizionata da limiti di età

Ai fini della richiesta di riconoscimento dei crediti formativi il candidato dovrà inviare all’indirizzo email  segreteria.otscf@gmail.com

Il riconoscimento dei crediti formativi comporterà una riduzione della durata del percorso formativo per un max del 40% (120 ore)riconoscibili.

Qualora al candidato vengano riconosciute 120 ore max di credito formativo le restanti 180 ore avranno una durata di 22 giorni e mezzo.

Le assenze ammesse sono pari al 20%

Titolo di fine corso

Qualifica professionale di Operatore Tecnico Subacqueo rilasciata dalla Regione Lazio al superamento dell’esame ha valore, ai sensi dell’art.1 comma 3 lett.a del Decreto del Ministero del Lavoro, di concerto con il MIUR, del 30 giugno 2015, sull’intero territorio nazionale, a ogni effetto di legge. Costituisce,altresì,ad ogni effetto di legge titolo idoneo all’esercizio dell’attività subacquea professionale  fino alla profondità di 50 metri,sia in ambito portuale che Inshore,entro le 12 miglia (acque territoriali) nonchè in ambito UE ai sensi della Direttiva comunitaria 2005/36.

LIVELLO Europeo della Qualificazione (European Qualification Framework):EQF 3

Gli stranieri che vengono in Italia per periodi non superiori ai 90 giorni, ai sensi della Legge 28 maggio 2007, n. 68, che siano esenti dall’obbligo di visto ovvero soggetti a visto, non devono chiedere il permesso di soggiorno.

I cittadini appartenenti alla UE – possono circolare liberamente e non necessitano di alcun permesso per soggiorni inferiori ai 3 (tre) mesi.

Fonte:Min.Affari Esteri – Farnesina https://www.esteri.it/mae/it/servizi/stranieri/ingressosoggiornoinitalia/visto_ingresso/paesi_esenti_visto.html

Tutti i cittadini UE ed extra UE,comunque,per frequentare il corso dovranno sostenere una prova scritta e orale della lingua italiana.In caso di possesso di titoli di studio equivalenti ai diplomi di scuola secondaria di secondo grado o ai diplomi di laurea italiani, è possibile presentare l’attestato di comparabilità rilasciato dal CIMEA.
Negli altri casi, o in assenza dell’attestato di comparabilità, è necessario presentare la dichiarazione di valore rilasciata dalla rappresentanza diplomatico-
consolare italiana nel Paese in cui è stato rilasciato il titolo. La dichiarazione divalore attesta la natura dei titoli posseduti e il loro livello, ed è redatta in lingua
italiana.